Top Menu

Leonardiana

Pla­ce: Castel­lo di Vige­va­no, Piaz­za duca­le
Date: 20/05/2016 -
Dead­li­ne:

Web­si­te:

Castello-dalla-torre-@Li-VigniInau­gu­ra il 20 mag­gio 2016 Leo­nar­dia­na. Un museo “nuo­vo”, ordi­na­to nel­le sale final­men­te ria­per­te al pub­bli­co del­la quat­tro­cen­te­sca Cor­te Duca­le di Ludo­vi­co il Moro nel Castel­lo di Vige­va­no.

Leo­nar­dia­na ospi­te­rà, in un alle­sti­men­to crea­ti­vo e coin­vol­gen­te, l’intera ope­ra di Leo­nar­do da Vin­ci che pro­prio qui fu a lun­go ospi­te.

Il pro­get­to si avva­le del­la super­vi­sio­ne scien­ti­fi­ca di Car­lo Pedret­ti, che per oltre cin­quan­ta anni ha cura­to l’edizione nazio­na­le dei codi­ci e dei dise­gni vin­cia­ni, monu­men­to del­la cul­tu­ra ita­lia­na pub­bli­ca­to da Giun­ti. E’ pro­mos­so dal Con­sor­zio A.S.T. – Agen­zia per lo Svi­lup­po Ter­ri­to­ria­le di Vige­va­no insie­me al Comu­ne di Vige­va­no e Asso­cia­zio­ne Irri­ga­zio­ne Est Sesia, con il soste­gno di Fon­da­zio­ne Cari­plo e Arcus (ora incor­po­ra­ta in Ales), con la col­la­bo­ra­zio­ne pro­dut­ti­va e orga­niz­za­ti­va di GAmm Giun­ti, ed è dun­que un vir­tuo­so esem­pio di col­la­bo­ra­zio­ne tra pub­bli­co e pri­va­to, soda­li­zio sem­pre più impor­tan­te nel­la gestio­ne e nel­la valo­riz­za­zio­ne del patri­mo­nio cul­tu­ra­le nazio­na­le. Frut­to di un con­cor­so indet­to dal Con­sor­zio A.S.T. nel 2012, il pro­get­to degli alle­sti­men­ti per­ma­nen­ti è sta­to con­ce­pi­to dal­lo stu­dio mila­ne­se Migliore+Servetto Archi­tec­ts.

Leo­nar­dia­na inten­de pro­por­re un iti­ne­ra­rio ine­di­to attra­ver­so la vita e l’opera di Leo­nar­do a par­ti­re dal suo sog­gior­no a Vige­va­no, che si pone al cul­mi­ne del­la sua vita mila­ne­se. Pro­ta­go­ni­sta del museo sarà il rac­con­to del suo pen­sie­ro, del­la sua vita e dei tan­ti epi­so­di ine­di­ti che la carat­te­riz­za­ro­no, costrui­to per l’occasione da Clau­dia Zevi.
Sarà espo­sta tut­ta l’opera che riu­scì a pen­sa­re e i mate­ria­li pro­dot­ti nel cor­so del­la sua vita: i dise­gni, oggi con­ser­va­ti da deci­ne di musei e biblio­te­che spar­si nel mon­do, i 25 dipin­ti oggi attri­bui­ti con cer­tez­za alla sua mano, i tac­cui­ni che accom­pa­gna­ro­no le gior­na­te, fit­ti di pen­sie­ri e genia­li intui­zio­ni, i codi­ci che dopo la sua mor­te furo­no assem­bla­ti dagli amici/eredi e che oggi por­ta­no i nomi dei loro pro­prie­ta­ri: Bill Gates, la Biblio­te­ca Ambro­sia­na, l’Institut de Fran­ce e così via. 

Leo­nar­dia­na sarà il luo­go, uni­co al mon­do, in cui si potrà vede­re in una vol­ta sola tut­ta l’opera, ampia ed ete­ro­ge­nea, di uno dei più gran­di geni dell’umanità.

Tut­to ciò è reso pos­si­bi­le gra­zie alla dispo­ni­bi­li­tà di un auten­ti­co teso­ro costi­tui­to dal­la col­le­zio­ne di ripro­du­zio­ni in fac­si­mi­le dei codi­ci di Leo­nar­do che, dal 1964, dopo atten­te e rigo­ro­se valu­ta­zio­ni del mon­do acca­de­mi­co e con decre­to del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca Ita­lia­na, ven­ne affi­da­ta a Giun­ti Edi­to­re, il qua­le li ha mes­si a dispo­si­zio­ne del museo.

Nel­le sale del­la Leo­nar­dia­na saran­no espo­sti, infat­ti, i fac­si­mi­li di tut­to ciò che il genio vin­cia­no rea­liz­zò con le pro­prie mani: dise­gni, codi­ci e i tac­cui­ni che Leo­nar­do tene­va sem­pre in tasca e su cui appun­ta­va sco­per­te, intui­zio­ni e osser­va­zio­ni del­la real­tà, rac­col­ti per tema­ti­che lega­te alle diver­se vicen­de del­la sua vita alla cor­te degli Sfor­za.

Infi­ne, a coro­na­men­to del per­cor­so, il visi­ta­to­re potrà ammi­ra­re la “pina­co­te­ca impos­si­bi­le”. In essa saran­no espo­sti tut­ti i dipin­ti attual­men­te cono­sciu­ti di mano di Leo­nar­do, ripro­dot­ti in sca­la rea­le con spe­cia­li tec­ni­che ad alta riso­lu­zio­ne, che per­met­te­ran­no al visi­ta­to­re di immer­ger­si nel­la tota­li­tà del­la sua ope­ra pit­to­ri­ca e vive­re così un’esperienza uni­ca. Ogni ope­ra sarà accom­pa­gna­ta da un com­men­to che inten­de met­te­re in luce la sua sto­ria e le vicen­de che han­no reso que­sti capo­la­vo­ri cele­bri nel mon­do.

Il pro­get­to espo­si­ti­vo per­ma­nen­te e l’art direc­tion del museo sono sta­ti pro­get­ta­ti da Migliore+Servetto Archi­tec­ts per costrui­re un’articolata nar­ra­zio­ne attra­ver­so stru­men­ti avan­za­ti di luce, mul­ti­me­dia­li­tà e gra­fi­ca ambien­ta­le. Il pro­get­to svi­lup­pa una chia­ve di rac­con­to pro­fon­da­men­te inno­va­ti­va, coin­vol­gen­te e spet­ta­co­la­re, che con­sen­te al visi­ta­to­re di inda­ga­re le fasi salien­ti del pen­sie­ro leo­nar­de­sco nell’arco del­la sua vita, seguen­do un per­cor­so che si sno­da nel­le sale sto­ri­che del Castel­lo, defi­nen­do ambien­ti di nar­ra­zio­ne ina­spet­ta­ti che resti­tui­sco­no in modo for­te­men­te sce­ni­co la ric­chez­za dei diver­si con­te­nu­ti: con­tri­bu­ti scien­ti­fi­ci, ripro­du­zio­ni di ope­re, dise­gni e siste­mi inte­rat­ti­vi.
La defi­ni­zio­ne dei temi, il loro svi­lup­po e la dire­zio­ne cura­to­ria­le sono di Clau­dia Zevi.

Con Leo­nar­dia­na tor­na a vive­re il Castel­lo di Vige­va­no, fon­da­to da Luchi­no Viscon­ti e dive­nu­to poi sot­to gli Sfor­za un esem­pio incom­pa­ra­bi­le di raf­fi­na­ta resi­den­za signo­ri­le extraur­ba­na. Con la sua mera­vi­glio­sa piaz­za (la pri­ma piaz­za for­ma­le del Rina­sci­men­to) e il suo castel­lo, Vige­va­no rap­pre­sen­ta dun­que uno degli esem­pi più ful­gi­di, e al tem­po stes­so meno noti, di archi­tet­tu­ra rina­sci­men­ta­le.

Par­ten­do pro­prio dal­le testi­mo­nian­ze del suo glo­rio­so pas­sa­to, Vige­va­no inten­de così pro­por­si come polo cul­tu­ra­le d’interesse inter­na­zio­na­le. Nel­la secon­da metà del Quat­tro­cen­to, la Cor­te rina­sci­men­ta­le degli Sfor­za vis­se, infat­ti, il suo perio­do di mag­gio­re splen­do­re, dive­nen­do uno dei cen­tri più impor­tan­ti in Euro­pa, sede di gran­di tra­sfor­ma­zio­ni poli­ti­che, eco­no­mi­che e cul­tu­ra­li. Ludo­vi­co il Moro ebbe mol­to a cuo­re le sor­ti di Vige­va­no, che vol­le tra­sfor­ma­re da pic­co­lo bor­go e roc­ca­for­te mili­ta­re in raf­fi­na­ta resi­den­za signo­ri­le attra­ver­so una com­ples­sa ope­ra­zio­ne urba­ni­sti­ca fon­da­ta sul mito uma­ni­sti­co – rina­sci­men­ta­le del­la “cit­tà idea­le”.

L’episodio del­la per­ma­nen­za di Leo­nar­do da Vin­ci nel vige­va­ne­se rap­pre­sen­ta dun­que l’opportunità di richia­ma­re l’attenzione su una rile­van­te ere­di­tà cul­tu­ra­le, le cui ori­gi­ni sono nel­la sta­gio­ne sfor­ze­sca del­le gran­di tra­sfor­ma­zio­ni archi­tet­to­ni­che ed eco­no­mi­che inau­gu­ra­ta da Ludo­vi­co il Moro, di cui per­man­go­no gran­dio­se testi­mo­nian­ze come il Castel­lo e la Piaz­za Duca­le, la Sfor­ze­sca, la rete dei navi­gli, dei muli­ni e del­le casci­ne.
Il com­ples­so archi­tet­to­ni­co del Castel­lo di Vige­va­no si può con­si­de­ra­re una pic­co­la cit­tà nel­la cit­tà, essen­do per esten­sio­ne uno dei più gran­di com­ples­si for­ti­fi­ca­ti d’Europa. Si pre­sen­ta come un insie­me di edi­fi­ci che occu­pa­no una super­fi­cie di oltre 70 mila metri qua­dra­ti. Potreb­be con­te­ne­re due vol­te Buc­kin­gham Pala­ce, tre vol­te la basi­li­ca di San Pie­tro e sei vol­te il Duo­mo di Mila­no.
Vero gio­iel­lo rina­sci­men­ta­le, ispi­ra­ta a rigo­ro­si prin­ci­pi geo­me­tri­ci, Piaz­za Duca­le sor­ge­va come pri­ma piaz­za for­ma­le e rap­pre­sen­ta­ti­va nel­la sto­ria d’Europa poco pri­ma che a Vene­zia si des­se ini­zio all’impianto di Piaz­za San Mar­co. Inol­tre è sta­ta model­lo di gran­di rea­liz­za­zio­ni, qua­li Pla­ce des Vosges a Pari­gi e Plaça Mayor a Madrid. 

La pre­sen­za di Leo­nar­do, figu­ra per anto­no­ma­sia evo­ca­tri­ce del con­nu­bio tra tec­no­lo­gia e arte, rap­pre­sen­ta un ele­men­to idea­le di rac­cor­do tra un pas­sa­to auto­re­vo­le e un pre­sen­te in pie­no cam­bia­men­to, che sce­glie di fare del­la cul­tu­ra e del­le nuo­ve tec­no­lo­gie il pro­prio futu­ro.

LEONARDIANA. UN MUSEO NUOVO
CASTELLO DI VIGEVANO
Piaz­za Duca­le
27029 Vige­va­no (PV)
Tel. +39 0381 692037

Ora­ri
Mar­te­dì – vener­dì dal­le ore 9:00 alle 13:00 e 
dal­le ore 15:00 alle 18:00
Saba­to e dome­ni­ca dal­le ore 10:00 alle 20:00
La bigliet­te­ria chiu­de tren­ta minu­ti pri­ma

Bigliet­ti
€ 10,00 inte­ro
€ 8,50 ridot­to
€ 4,00 scuo­le
€ 8,00 con­ven­zio­ni
€ 7,50 grup­pi
€ 22,00 fami­glia (2 adul­ti + 1 bam­bi­no dai 6 ai 14 anni)

Per infor­ma­zio­ni
Web: www.leonardiana.it
E-mail: info@leonardiana.it
info@astvigevano.it
Hash­tag: #leo­nar­dia­na
Face­book: https://www.facebook.com/leonardoevigevano


From: …

Cite this article as: Bacheca, Leonardiana, in "STORIEDELLARTE.com", 6 luglio 2016; accessed 6 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2016/07/leonardiana.html.
No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: