Top Menu

Apre “Splendori del Rinascimento a Venezia. Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano”

Andrea Schiavone, Nozze di Amore e Psiche, ca. 1550, New York, Metropolitan Museum of Art

Andrea Schia­vo­ne, Noz­ze di Amo­re e Psi­che, ca. 1550, New York, Metro­po­li­tan Museum of Art

Vener­dì 27 novem­bre 2015 apre al Museo Cor­rer di Vene­zia la gran­de mostra orga­niz­za­ta dal­la Fon­da­zio­ne Musei Civi­ci di Vene­zia, a cura di Enri­co Maria Dal Poz­zo­lo e Lio­nel­lo Pup­pi:

Splen­do­ri del Rina­sci­men­to a Vene­zia. Schia­vo­ne tra Par­mi­gia­ni­no, Tin­to­ret­to e Tizia­no

Museo Cor­rer, Vene­zia
28 novem­bre 2015 – 10 apri­le 2016

La pri­ma mostra dedi­ca­ta ad Andrea Schia­vo­ne, inven­to­re di uno sti­le nuo­vo.
Una pit­tu­ra dirom­pen­te e un arti­sta “fuo­ri dal coro” ammi­ra­to da Tin­to­ret­to,
da Car­rac­ci e da El Gre­co.
Al Museo Cor­rer 140 ope­re da tut­to il mon­do e 80 lavo­ri del mae­stro mai riu­ni­ti pri­ma.

Nel­lo straor­di­na­rio sce­na­rio del­la pit­tu­ra rina­sci­men­ta­le vene­zia­na, in quel con­cer­to poli­fo­ni­co che vede­va ecce­zio­na­li per­so­na­li­tà pri­meg­gia­re in lagu­na, e da qui in Euro­pa, la figu­ra e il “suo­no” di Andrea Mel­do­la det­to Schia­vo­ne (Zara, 1510 c. – Vene­zia, 1563) s’imposero fin da subi­to come novi­tà dirom­pen­ti, scar­di­nan­ti e in cer­to modo enig­ma­ti­che.

Un lin­guag­gio pit­to­ri­co il suo asso­lu­ta­men­te nuo­vo e spre­giu­di­ca­to, tan­to che Schia­vo­ne, già pochi anni dopo l’arrivo a Vene­zia (avve­nu­to for­se intor­no al 1535), spac­cò l’opinione pub­bli­ca e divi­se la cri­ti­ca: chi come l‘Aretino lo sti­ma­va e gli era ami­co, chi come il Pino non nascon­de­va il suo disprez­zo.

Un arti­sta dun­que “fuo­ri dal coro”, affa­sci­nan­te e moder­no, sul qua­le si fa final­men­te il pun­to dopo decen­ni di stu­di e ricer­che, con la mostra in pro­gram­ma al Museo Cor­rer a Vene­zia, dal 28 novem­bre 2015 al 10 apri­le 2016, pro­mos­sa dal­la Fon­da­zio­ne Musei Civi­ci di Vene­zia in col­la­bo­ra­zio­ne con 24 ORE Cul­tu­ra e cura­ta da Enri­co Maria Dal Poz­zo­lo e Lio­nel­lo Pup­pi: la pri­ma gran­de mono­gra­fi­ca dedi­ca­ta all’artista dal­ma­ta e la pri­ma rea­le occa­sio­ne per il pub­bli­co di sco­pri­re il ruo­lo cen­tra­le che Schia­vo­ne ebbe nel­la pit­tu­ra del seco­lo d’oro del­la Sere­nis­si­ma.

Sarà sì una mostra di ricer­ca, accom­pa­gna­ta da un cata­lo­go (24 ORE Cul­tu­ra) che diven­te­rà un pun­to di rife­ri­men­to impre­scin­di­bi­le negli stu­di sul Cin­que­cen­to ita­lia­no, ma soprat­tut­to un’esposizione spet­ta­co­la­re, per nume­ro e qua­li­tà del­le ope­re espo­ste (oltre 140 tra dipin­ti, dise­gni e stam­pe, più un ric­co nucleo di libri e docu­men­ti sto­ri­ci) spes­so dal­le pre­sti­gio­sis­si­me pro­ve­nien­ze.

Per la pri­ma vol­ta sono riu­ni­ti oltre 80 lavo­ri di Andrea Mel­do­la – dipin­ti, dise­gni, inci­sio­ni – la mag­gior par­te dei qua­li mai espo­sti in una mostra e pre­sta­ti, tra l’altro, dal­la Royal Col­lec­tion di Eli­sa­bet­ta II, dal Kun­sthi­sto­ri­ches Museum e dall’Albertina di Vien­na, dal Metro­po­li­tan Museum of Art di New York, dall’Accademia Croa­ta di Scien­ze e Arti di Zaga­bria, dal­la Gemäl­de Gale­rie di Dre­sda, dal Musée du Lou­vre di Pari­gi e dal Bri­ti­sh Museum di Lon­dra; per la pri­ma vol­ta, oltre ad alcu­ni ine­di­ti, si potran­no vede­re insie­me i capi­sal­di dell’opera pit­to­ri­ca di Schia­vo­ne e con essi impor­tan­ti dipin­ti di con­fron­to dei mag­gio­ri arti­sti del tem­po, pun­to di rife­ri­men­to per il dal­ma­ta e con cui egli ebbe con­tat­ti o rap­por­ti di “dare” e “ave­re”.

Capo­la­vo­ri del suo mae­stro idea­le Par­mi­gia­ni­no – la gran­de “Madon­na di San Zac­ca­ria” degli Uffi­zi – del suo com­pa­gno di scor­ri­ban­de gio­va­ni­li, Jaco­po Tin­to­ret­to, di Tizia­no – con la “Madon­na Aldo­bran­di­ni” dal­la Natio­nal Gal­le­ry di Lon­dra – e anco­ra Vasa­ri, Sal­via­ti, Bor­don, Bas­sa­no, Poli­do­ro da Lan­cia­no, Lam­bert Sustris: tut­te pre­sen­ze impor­tan­ti per Schia­vo­ne e per lo straor­di­na­rio con­cer­to dell’arte vene­zia­na nell’età del Manie­ri­smo.

Dal­lo ste­reo­ti­po di Vasa­ri all’ammirazione di Tin­to­ret­to, Car­rac­ci ed El Gre­co

A ritar­da­re il pie­no rico­no­sci­men­to di Schia­vo­ne, inven­to­re di uno sti­le sin­te­ti­co nuo­vo, di toc­co e a trat­ti qua­si ‘infor­ma­le’, han­no con­tri­bui­to sicu­ra­men­te le neb­bie che anco­ra avvol­go­no la sua bio­gra­fia: in par­ti­co­la­re la for­ma­zio­ne tra la nati­va Zara (in Croa­zia), l’Italia Cen­tra­le (Bolo­gna? Firen­ze? Roma?) e la meta fina­le, Vene­zia.

Eppu­re, le sue ope­re rag­giun­go­no ver­ti­ci di straor­di­na­rio livel­lo; i suoi dipin­ti, dise­gni e inci­sio­ni impre­zio­si­sco­no le dimo­re dei mag­gio­ri patri­zi vene­zia­ni e fini­sco­no poi nel­le gran­di col­le­zio­ni rea­li euro­pee; i suoi ser­vi­gi ven­go­no richie­sti per la deco­ra­zio­ne di nume­ro­se Chie­se e tan­te repli­che anti­che di sue idea­zio­ni atte­sta­no la for­tu­na del­le sue inven­zio­ni.

Fu Vasa­ri a con­di­zio­na­re le bio­gra­fie suc­ces­si­ve, defi­nen­do Schia­vo­ne espo­nen­te di “una cer­ta pra­ti­ca che s’usa a Vine­zia, di mac­chie o vero boz­ze, sen­za esser fini­ta pun­to”: un pre­cur­so­re dell’informale, ver­reb­be oggi da dire. Vasa­ri lo cri­ti­cò, eppu­re, ancor pri­ma di recar­si a Vene­zia nel ’41, gli com­mis­sio­nò la rap­pre­sen­ta­zio­ne di una “Bat­ta­glia di Tuni­si” per Otta­via­no de’ Medi­ci.

Con­si­de­ra­ta la sua opi­nio­ne sul­la pit­tu­ra lagu­na­re, la cosa ha dell’eccezionale, spie­ga­bi­le for­se con la media­zio­ne dell’Aretino, ami­co comu­ne, se non con l’intento di dimo­stra­re la supe­rio­ri­tà sua o del­la scuo­la fio­ren­ti­na. Cer­to è – come sot­to­li­nea Enri­co Maria Dal Poz­zo­lo in cata­lo­go – che il “San Giro­la­mo” che Vasa­ri dipin­se per Otta­via­no l’anno suc­ces­si­vo, ora a Palaz­zo Pit­ti ed espo­sto a Vene­zia in que­sta occa­sio­ne, pare “l’esatto con­tra­rio del­la pro­po­sta lin­gui­sti­ca che Schia­vo­ne anda­va dif­fon­den­do” in que­gli anni.

Con­tro i com­men­ti vasa­ria­ni e in dife­sa di Schia­vo­ne – che addi­rit­tu­ra vie­ne posto da Giu­lio Cesa­re Gigli in aper­tu­ra del cor­teo “De’ Vene­zia­ni” che seguo­no il car­ro del­la “Pit­tu­ra Trion­fan­te” (1615) – furo­no in mol­ti a sca­gliar­si: gran­di pit­to­ri come Anni­ba­le Car­rac­ci ed El Gre­co, e cri­ti­ci in testa ai qua­li Mar­co Boschi­ni – rispon­den­do a Vasa­ri –scris­se: “O machie sen­za machia, anzi spendori/che luse più de qual se sia lumie­ra”!

Era la “furia Dal­ma­ti­na”, dal pen­nel­lo velo­ce come una frec­cia. Una for­za del­la natu­ra.
E se già Ridol­fi, nel­le “Mera­vi­glie dell’Arte” (1648), ricor­da­va che Jaco­po Tin­to­ret­to era soli­to ripe­te­re “ch’era degno di ripren­sio­ne quel Pit­to­re. Che non tenes­se in casa sua un qua­dro d’Andrea”, qual­che anno più tar­di Boschi­ni pre­ci­sa – su fon­te diret­ta del figlio Dome­ni­co – che Tin­to­ret­to addi­rit­tu­ra “tene­va avan­ti di sé, come esem­pla­re, un qua­dro di que­sto Aut­to­re per impres­sio­nar­si di quel gran Carat­te­re di Colo­ri­to, così for­zu­to e pun­to”.

Cer­ta­men­te l’influenza di Schia­vo­ne su Jaco­po Robu­sti e gli indi­zi di una loro fre­quen­ta­zio­ne non epi­so­di­ca sono ormai accer­ta­ti (non per nul­la in pas­sa­to furo­no parec­chie le con­fu­sio­ni attri­bu­ti­ve tra i due), così com’è con­di­vi­so dal­la cri­ti­ca che il pit­to­re dal­ma­ta sia sta­to il prin­ci­pa­le dif­fu­so­re del Par­mi­gia­ni­no in area Vene­ta.

Il ver­ti­ce del­la gra­fi­ca

Dal gran­de arti­sta emi­lia­no Schia­vo­ne trae model­li figu­ra­ti­vi che ren­de pro­pri e soprat­tut­to una for­ma di dise­gno pit­to­ri­co che “è un aspet­to fon­da­men­ta­le del suo con­tri­bu­to alla sto­ria del­la pit­tu­ra vene­zia­na”. I dise­gni pit­to­ri­ci del Mel­do­la impres­sio­na­no per qua­li­tà e fre­schez­za, ma anche nel­le inci­sio­ni Andrea rag­giun­ge ver­ti­ci asso­lu­ti, dimo­stran­do una vera pas­sio­ne che man­ter­rà per tut­ta la vita (qua­si mania­ca­le per le nume­ro­se varian­ti, i ritoc­chi, la ricer­ca del­la pre­ci­sio­ne), svi­lup­pan­do la sua ricer­ca di pari pas­so a quel­la pit­to­ri­ca, uti­liz­zan­do in modo straor­di­na­rio la pun­ta­sec­ca insie­me al buli­no e rea­liz­zan­do cir­ca 150 sog­get­ti decli­na­ti in più varian­ti di sta­to.

La gra­fi­ca di Schia­vo­ne – per la qua­le, oltre a Par­mi­gia­ni­no, egli trae spun­ti da mol­ti arti­sti vene­ti e del Cen­tro Ita­lia – costi­tui­sce sen­za dub­bio un momen­to capi­ta­le nel­la sto­ria del dise­gno vene­zia­no e del Rina­sci­men­to lagu­na­re e il cor­pus di dise­gni, inci­sio­ni e stam­pe pre­sen­ta­to in que­sta ecce­zio­na­le occa­sio­ne al Museo Cor­rer sve­le­rà la magia di un toc­co uni­co, sen­za para­go­ni.

Tra tut­te segna­lia­mo il “Rat­to di Ele­na”: inci­sio­ne pre­sta­ta dal Bri­ti­sh Museum insie­me ad altri 13 impor­tan­ti lavo­ri dell’artista, uni­ca ope­ra di Schia­vo­ne fir­ma­ta e data­ta, 1547 (la sola data cer­ta nel­la bio­gra­fia del pit­to­re insie­me a quel­la del­la mor­te), e in cer­to sen­so “mani­fe­sto” del­la con­sa­pe­vo­lez­za dell’artista di attin­ge­re e “copia­re” dai gran­di ma di saper rileg­ge­re e tra­sfor­ma­re.

Dal­le gran­di col­le­zio­ni d’Europa alla mostra: la sin­go­la­re gran­dez­za di Schia­vo­ne

Per quan­to riguar­da l’interesse e la fama di Schia­vo­ne in Lagu­na era sta­to lo stes­so Vasa­ri a scri­ve­re, nel meda­glio­ne dedi­ca­to all’artista nel­la secon­da edi­zio­ne del­le Vite, che “La mag­gior par­te del­le sue ope­re sono sta­ti qua­dri, che sono per le case de’ gen­ti­luo­mi­ni”, sot­to­li­nean­do così l’apprezzamento del­le pro­ve di Schia­vo­ne – che si ado­pe­ra­va anche nei for­ma­ti mino­ri da fre­gio e da cas­so­ne – tra le mura dei palaz­zi vene­zia­ni. Nel Sei e Set­te­cen­to la for­tu­na col­le­zio­ni­sti­ca del Mel­do­la si spin­ge anche oltre i con­fi­ni vene­zia­ni. Leo­pol­do de’ Medi­ci nel 1654 acqui­sta un qua­dro “gran­de” di Schia­vo­ne iden­ti­fi­ca­to con il “Cai­no e Abe­le” del­la Gal­le­ria pala­ti­na – espo­sto al Museo Cor­rer – ammi­ra­to per il “ter­ri­bi­le colo­ri­to che fa stu­pi­re” e Leo­pol­do Gugliel­mo d’Asburgo van­ta nel­le sue col­le­zio­ni nume­ro­se sue ope­re, oggi in gran par­te con­flui­te al Kun­sthi­sto­ri­shes Museum di Vien­na che a que­sto ecce­zio­na­le even­to ha pre­sta­to ben sei dipin­ti dell’artista.

Tra i prin­ci­pa­li col­le­zio­ni­sti di Schia­vo­ne in que­gli anni ci sono anche due mer­can­ti: Bar­to­lo­meo Dal­la Nave, ami­co di arti­sti e a capo di una fio­ren­te bot­te­ga di colo­ri – che pare aves­se com­pra­to ope­re di Schia­vo­ne anche dal­lo scul­to­re Ales­san­dro Vit­to­ria, col­le­ga, ami­co e col­le­zio­ni­sta del dal­ma­ta – e Jan Rynes, ric­co olan­de­se sta­bi­li­to­si a Vene­zia nel 1652.

Si può con­ti­nua­re. Schia­vo­ne, insie­me a Tin­to­ret­to, risul­ta l’artista del Cin­que­cen­to vene­to più rap­pre­sen­ta­to anche nel­la col­le­zio­ne per­so­na­le di Fran­ce­sco Alga­rot­ti che, come con­su­len­te di Augu­sto III di Sas­so­nia, chia­ma­to a com­ple­ta­re il museo di Dre­sda, pro­cu­ra un impo­nen­te “Gio­ve fan­ciul­lo in mez­zo alle Gra­zie” rico­no­sciu­to solo recen­te­men­te nell’ “Infan­zia di Gio­ve” nel­le col­le­zio­ni dell’Earl of Wemyss.

Espo­sto per la pri­ma vol­ta in Sco­zia nel 2004, il dipin­to sarà un’altra pre­sen­za ecce­zio­na­le in mostra, ove non man­che­ran­no nep­pu­re le due telet­te del­la Natio­nal Gal­le­ry di Lon­dra, “Arca­de” e “Gio­ve che sedu­ce Cal­li­sto”, pro­ve­nien­ti dal­la rac­col­ta pri­va­ta di Alga­rot­ti, espo­ste insie­me alla par­te cen­tra­le del cas­so­ne al qua­le pro­ba­bil­men­te appar­te­ne­va­no – raf­fi­gu­ran­te “Dia­na e Cal­li­sto” – pre­sta­ta dal Musée de Picar­die di Amiens.

Il mito del Rina­sci­men­to vene­zia­no tro­va dun­que un altro gran­de pro­ta­go­ni­sta, che in Lagu­na por­ta una pit­tu­ra nuo­va e auda­ce, fat­ta di colo­re, luce e movi­men­to; una pit­tu­ra a trat­ti “infor­ma­le”, che sor­pren­de­rà Tizia­no, anti­ci­pe­rà Rem­brandt e intui­rà alcu­ne sco­per­te del­la più alta pit­tu­ra del Nove­cen­to.

Fon­te: comu­ni­ca­to stam­pa

Cite this article as: Redazione, Apre “Splendori del Rinascimento a Venezia. Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano”, in "STORIEDELLARTE.com", 16 novembre 2015; accessed 9 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2015/11/apre-splendori-del-rinascimento-a-venezia-schiavone-tra-parmigianino-tintoretto-e-tiziano.html.
No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: