Top Menu

odEredeLibrEscoErode

Pla­ce: Biblio­te­ca civi­ca d’arte Lui­gi Polet­ti, Mode­na
Date: 18/09/2015 – 02/01/2016
Dead­li­ne: 02/01/2016

Web­si­te: http://www.comune.modena.it/biblioteche/poletti

odEredeLibrEscoErode_2015Mostra rea­liz­za­ta per il Festi­val­fi­lo­so­fia 2015: ere­di­ta­re

 

Inau­gu­ra­zio­ne: vener­dì 18 set­tem­bre, ore 18.30 alla pre­sen­za dell’artista

 

Il libro è un tema che ritor­na spes­so nel­la varie­ga­ta crea­zio­ne arti­sti­ca di Lui­gi Onta­ni.

 

Dagli ogget­ti pleo­na­sti­ci alle masche­re, dai tableaux vivan­ts alle ErmeE­ste­ti­che, il libro è, per Onta­ni, l’oggetto che rap­pre­sen­ta il sape­re, la cul­tu­ra di cui si è col tem­po appro­pria­to. Una cul­tu­ra di cui l’artista, che orgo­glio­sa­men­te si defi­ni­sce dilet­tan­te, è aman­te per dilet­to e non per obbli­go o impo­si­zio­ne.

 

Tut­ta l’opera di Onta­ni è let­te­ral­men­te una rilet­tu­ra, mai nozio­ni­sti­ca e inge­nua, del­la cul­tu­ra, anzi del­le cul­tu­re alle qua­li l’autore si è nel tem­po avvi­ci­na­to. Una let­tu­ra che com­por­ta una com­pren­sio­ne tan­to pro­fon­da quan­to capa­ce di lascia­re l’impronta, il vol­to, il cor­po, lo spi­ri­to e l’ironia dell’artista nell’opera crea­ta, sem­pre espli­ci­ta cita­zio­ne di temi e ico­ne arti­sti­che, mito­lo­gi­che, sto­ri­che, fol­klo­ri­sti­che o let­te­ra­rie. Un’opera nuo­va in cui sog­get­to e ogget­to si con­fon­do­no in manie­ra total­men­te e gio­co­sa­men­te diver­sa.

Un “d’après” ma al con­tem­po e incon­fon­di­bil­men­te “alla manie­ra di” Onta­ni.

 

In que­sto movi­men­to di con­ti­nua let­tu­ra e rilet­tu­ra, i libri – di cui que­sta mostra costiui­sce la pri­ma esau­sti­va espo­si­zio­ne – sono l’ulteriore ed ulti­mo atto. Il tut­to sdram­ma­tiz­za­to da una cal­li­gra­fia vir­tuo­si­sti­ca e deco­ra­ti­va che gio­ca sui tito­li ma la cui deci­fra­zio­ne con­sen­te già una pri­ma com­pren­sio­ne dell’opera.

 

 

 

 

 

Nato a Ver­ga­to duran­te la Secon­da Guer­ra mon­dia­le sul­la Linea goti­ca, Lui­gi Onta­ni si è tra­sfe­ri­to a Roma nel 1970. Ha viag­gia­to fre­quen­te­men­te in Orien­te, sen­za però mai abban­do­na­re il vil­li­no “RomA­mor” pres­so la Roc­chet­ta Mat­tei di Rio­la. La sua ope­ra è sta­ta pre­sen­ta­ta in impor­tan­ti ras­se­gne nazio­na­li e inter­na­zio­na­li e in nume­ro­se per­so­na­li: Bolo­gna Gal­le­ria d’arte moder­na nel 1990; Fran­co­for­te Frank­fur­ter Kunst­ve­rein e Mona­co Vil­la Stuck nel 1996; Roma Acqua­rio Roma­no nel 2000; New York Moma P.S.1 nel 2001; Gent S.M.A.K. nel 2003-04; Faen­za Museo inter­na­zio­na­le del­le cera­mi­che, Vene­zia Peg­gy Gug­ge­n­heim Col­lec­tion, New York Gug­ge­n­heim Museum nel 2006; Boston Stewart Gard­ner Museum 2007, Roma Gal­le­ria Lor­can O’Neill nel 2007-08; Bolo­gna MAMBO nel 2008; Napo­li Museo di Capo­di­mon­te e Ber­na, Kun­sthal­le, 2012; Griz­za­na Casa stu­dio di Gior­gio Moran­di, attual­men­te in cor­so. Ha par­te­ci­pa­to, inol­tre, a diver­se edi­zio­ni del­la Bien­na­le di Vene­zia (1978, 1986, 1995).


From: car­la bar­bie­ri

Cite this article as: Bacheca, odEredeLibrEscoErode, in "STORIEDELLARTE.com", 8 settembre 2015; accessed 8 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2015/09/oderedelibrescoerode.html.
No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: