Top Menu

Il Maestro di Ozieri. Le inquietudini nordiche di un pittore nella Sardegna del Cinquecento” (Bologna, 23/02)

dettaglio_copertina_SpissuLune­dì 23 feb­bra­io a Bolo­gna si pre­sen­te­rà il volu­me:

Il Mae­stro di Ozie­ri. Le inquie­tu­di­ni nor­di­che di un pit­to­re nel­la Sar­de­gna del Cin­que­cen­to
di Maria Vit­to­ria Spis­su
Pado­va, Il Poli­gra­fo, 2014 (col­la­na “Biblio­te­ca di Arte”; 7)

Inter­ver­ran­no:
GIAN MARIO ANSELMI (Dipar­ti­men­to di Ita­lia­ni­sti­ca, Uni­ver­si­tà di Bolo­gna),
DANIELE BENATI (Dipar­ti­men­to Arti visi­ve, Uni­ver­si­tà di Bolo­gna),
VERA FORTUNATI, già ordi­na­rio di Sto­ria dell’Arte Moder­na pres­so l’Ateneo di Bolo­gna
CATERINA LIMENTANI VIRDIS, già ordi­na­rio di Sto­ria dell’Arte Moder­na e Sto­ria dell’Arte Fiam­min­ga e Olan­de­se (Uni­ver­si­tà di Pado­va e Uni­ver­si­tà di Sas­sa­ri).

Lune­dì 23 feb­bra­io 2015, ore 16:30
Biblio­te­ca d’arte e di sto­ria di S. Gior­gio in Pog­gia­le
via Naza­rio Sau­ro, 20/2
Bolo­gna

Even­to gra­tui­to, ingres­so libe­ro. | Info: +39 051 19936313 – centrostudisulrinascimento@genusbononiae.it



IL VOLUME
In ter­ri­to­ri tra i più remo­ti e defi­la­ti del­la Sar­de­gna cin­que­cen­te­sca, vide­ro la luce alcu­ni dei dipin­ti più enig­ma­ti­ci del­la pit­tu­ra medi­ter­ra­nea. Per nien­te ibe­ri­ci e pole­mi­ca­men­te rivol­ti alla manie­ra moder­na ita­lia­na, essi apro­no una serie di inter­ro­ga­ti­vi sul­la pro­ve­nien­za del loro arte­fi­ce, per con­ven­zio­ne chia­ma­to Mae­stro di Ozie­ri.
Ecco la ful­mi­nea anno­ta­zio­ne che gli dedi­cò Fede­ri­co Zeri: “Si potrà defi­ni­re il Mae­stro di Ozie­ri un pit­to­re sar­do nel­la stes­sa misu­ra in cui Cho­pin può dir­si risol­to nell’etichetta di com­po­si­to­re polac­co”. Qua­le pote­va esse­re, dun­que, la rea­le iden­ti­tà arti­sti­ca del pit­to­re? E costrui­ta a par­ti­re da qua­li influs­si?
Il volu­me, attra­ver­so un’analisi siste­ma­ti­ca, inda­ga la sin­te­si ori­gi­na­le dei riman­di con­te­nu­ti nei suoi dipin­ti, inse­ren­do la figu­ra del loro auto­re in una visio­ne più ampia, oltre i con­fi­ni dell’Isola, ver­so un “Medi­ter­ra­neo allar­ga­to” all’Europa del Nord. I suoi reta­bli rive­la­no un con­ti­nuo lavo­rio su mol­te­pli­ci sti­mo­li, all’incrocio di cor­ren­ti sti­li­sti­che geo­gra­fi­ca­men­te assai distan­ti, in un dia­lo­go fecon­do con Poli­do­ro da Cara­vag­gio e Jan van Sco­rel. Ric­co di fore­stie­ri­smi ger­ma­no­fo­ni e pae­sag­gi alla fiam­min­ga, il pit­to­re ela­bo­ra una par­ti­co­la­re ver­sio­ne di raf­fael­li­smo che chia­ma­re peri­fe­ri­co pare ridut­ti­vo.

L’AUTRICE
Maria Vit­to­ria Spis­su ha con­se­gui­to il dot­to­ra­to di ricer­ca in Sto­ria dell’arte moder­na all’Università di Bolo­gna, occu­pan­do­si di pro­ble­mi lega­ti alla pro­du­zio­ne dei reta­bli pit­to­ri­ci in ambi­to medi­ter­ra­neo. È sta­ta bor­si­sta Master&Back del­la Regio­ne Auto­no­ma del­la Sar­de­gna pres­so il Dipar­ti­men­to di Scien­ze dei Lin­guag­gi dell’Università di Sas­sa­ri. Attual­men­te è bor­si­sta dell’International Stu­dies Insti­tu­te di Firen­ze.

invito_bologna_v3_web

Cite this article as: Redazione, Il Maestro di Ozieri. Le inquietudini nordiche di un pittore nella Sardegna del Cinquecento” (Bologna, 23/02), in "STORIEDELLARTE.com", 18 febbraio 2015; accessed 8 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2015/02/il-maestro-di-ozieri-le-inquietudini-nordiche-di-un-pittore-nella-sardegna-del-cinquecento-bologna-2302.html.

, , ,

No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: