Top Menu

I Magi di Gentile per Amico Ricci

Gentile da Fabriano, pala Strozzi

Gen­ti­le da Fabria­no, Ado­ra­zio­ne dei Magi (pala Stroz­zi), 1423, Firen­ze, Gal­le­ria degli Uffi­zi

Gen­ti­le da Fabria­no, Ado­ra­zio­ne dei Magi, 1423, Firen­ze, Gal­le­ria degli Uffi­zi, tem­pe­ra, oro e argen­to su tavo­la, 300 x 282 cm – Pho­to Goo­gle Cul­tu­ral Insti­tu­te

«[…] Che il nostro pit­to­re Gen­ti­le da Fabria­no da Orvie­to si ripor­tas­se a Firen­ze può dedur­si dai lavo­ri da lui ese­gui­ti in que­sta Cit­tà cir­ca que­sto tem­po. Par­mi ragio­ne­vo­le il sup­por­re che Gen­ti­le pones­se mano al qua­dro dei Re Magi per la Chie­sa di San­ta Trì­ni­ta […], in que­sto qua­dro tan­ti pre­gi egli pro­fu­se e di com­po­si­zio­ne, e di colo­ri­to, che val­se a sta­bi­li­re la sua fama di pit­to­re fra i pri­mi dell’età sua. […]

Vol­le Gen­ti­le su que­sta tavo­la figu­ra­re l’adorazione de’ Magi. Argo­men­to pie­no di dif­fi­col­tà non solo se si riguar­di la mol­ti­tu­di­ne dei sog­get­ti, ma anche la dispa­ra­ta indo­le del­le imma­gi­ni e de’ costu­mi, che vi dove­va­no far com­par­sa. Appa­rec­chia­to­si in esso con tut­to il pote­re dell’immaginazione giun­se a coglie­re i carat­te­ri del­le prin­ci­pa­li figu­re nel pun­to loro il più signi­fi­can­te, e quin­di il più vero. Quan­ta mode­stia è nel­la Ver­gi­ne? Quant’affabilità nel Divi­no Infan­te ? Ch’estatica mera­vi­glia nel San­to vec­chio Giu­sep­pe? Quant’affetto, e devo­zio­ne ne Magi, e in quel­li che stan­no al di loro cor­teg­gio? Quan­ta gra­zia di ele­gan­za ne vol­ti di alcu­ne don­ne, che stan­no die­tro alla Ver­gi­ne, le qua­li nel colo­re pre­sen­ta­no un’impasto di car­ne vera­men­te flui­do, e viva­ce? Qua­le aspet­to inge­nuo ne pasto­ri? quan­ta moven­za in ogni figu­ra, e qua­li carat­te­ri­sti­che in cia­scu­na testa rap­pre­sen­tò il Gen­ti­le in que­sto qua­dro? Come sono veri i caval­li, ed i cani ritrat­ti dal natu­ra­le? Assai benin­te­so, e di faci­li pie­ghe sono le vesti­men­ti d’ognuno, e ric­che di orna­men­ti di rilie­vo mes­si ad oro: mira­bi­le l’impasto, la varie­tà de colo­ri mode­sti per una par­te, e ric­chi e fasto­si per l’altra, sta­bi­len­do col dovu­to accor­do il più lode­vo­le con­tra­sto. Chi nell’ammirare quest’opera non iscor­ge­rà ne’ vol­ti del­le figu­re quel­la fini­tez­za, e fre­schez­za di colo­re […]. In un de’ Magi si pre­ten­de dal Vasa­ri, che Gen­ti­le se stes­so effi­gias­se, e con ciò il pit­to­re aves­se volu­to mostra­re code­sta ope­ra esse­re la pri­ma ope­ra vera­men­te degna del pen­nel­lo, e del­la qua­le fos­se appie­no sod­di­sfat­to. A noi non è sem­bra­to vede­re il ritrat­to del pit­to­re nel­la testa d’uno de’ Magi, come dis­se il Vasa­ri; ben­sì nel vol­to di un uomo che fra la fol­la si distin­gue dagli altri, aven­do egli solo il cap­pel­lo in testa, men­tre le altre figu­re han­no coper­to il capo da un tur­ban­te. Vol­le in fine l’artista impri­me­re in que­sta tavo­la il suo nome e il mese e l’anno in che la fece. […]».

Ami­co Ric­ci, Memo­rie Sto­ri­che del­le arti e degli arti­sti del­la Mar­ca di Anco­na, Tomo Pri­mo, Mace­ra­ta 1934, pp. 148–150

 

Gentile da Fabriano, pala Strozzi

Gen­ti­le da Fabria­no, Ado­ra­zio­ne dei Magi (pala Stroz­zi), 1423, par­ti­co­la­re, Firen­ze, Gal­le­ria degli Uffi­zi

Cite this article as: Marialucia Menegatti, I Magi di Gentile per Amico Ricci, in "STORIEDELLARTE.com", 6 gennaio 2015; accessed 8 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2015/01/i-magi-di-gentile-per-amico-ricci.html.

,

No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: