Top Menu

Il Piviale dei Pappagalli dal trono all’altare (Vicenza, Museo Diocesano)

Vicen­za, Museo Dio­ce­sa­no, Il Pivia­le dei Pap­pa­gal­li (par­ti­co­la­re), scia­mi­to, XIII seco­lo © Museo Dio­ce­sa­no di Vicen­za

La mostra inti­to­la­ta Il Pivia­le dei Pap­pa­gal­li dal tro­no all’altare, che sarà inau­gu­ra­ta il 17 dicem­bre 2014 al Museo Dio­ce­sa­no di Vicen­za, offre l’opportunità di valo­riz­za­re al meglio il raro para­men­to tes­si­le, appar­te­nen­te alla rac­col­ta di ope­re d’arte visi­bi­li al museo. In que­sta occa­sio­ne saran­no inol­tre espo­sti altri tes­su­ti del tre­di­ce­si­mo seco­lo, docu­men­ti mano­scrit­ti, testi anti­chi con pit­tu­re e inci­sio­ni che docu­men­ta­no la for­tu­na del tema ico­no­gra­fi­co del pap­pa­gal­lo nel­la cul­tu­ra figu­ra­ti­va cri­stia­na.
Per un appro­fon­di­men­to, si rin­via ad un signi­fi­ca­ti­vo con­tri­bu­to di Chia­ra Rigo­ni, qui ripro­dot­to inte­gral­men­te (Chia­ra Rigo­ni, Dal XIII al XIX seco­lo, in Museo Dio­ce­sa­no di Vicen­za. Gui­da bre­ve, Vicen­za 2005, p. 46).

Il Piviale detto “dei Pappagalli”

Dona­to nel 1259 da Lui­gi IX di Fran­cia al bea­to Bar­to­lo­meo da Bre­gan­ze, insie­me ad un fram­men­to del­la vera cro­ce e ad una spi­na del­la coro­na di Cri­sto, il pre­zio­so Pivia­le det­to “dei Pap­pa­gal­li” ven­ne por­ta­to a Vicen­za l’anno seguen­te in occa­sio­ne dell’ingresso in cit­tà del bea­to Bar­to­lo­meo in qua­li­tà di vesco­vo. Dato in dono alla chie­sa dome­ni­ca­na di San­ta Coro­na con la vene­ra­ta reli­quia del­la sacra Spi­na, custo­di­ta in un magni­fi­co reli­quia­rio tre­cen­te­sco, il pivia­le costi­tui­sce uno degli esem­pla­ri tes­si­li più anti­chi del Vene­to.
La veste litur­gi­ca pro­ba­bil­men­te ven­ne rica­va­ta da un man­tel­lo di uso pro­fa­no, come sug­ge­ri­sce il moti­vo dei pap­pa­gal­li, espres­sio­ne di una sim­bo­lo­gia rega­le.
Il tes­su­to di fon­do è uno scia­mi­to, un gene­re tes­si­le pro­dot­to ori­gi­na­ria­men­te in Medio Orien­te e dif­fu­so nell’area medi­ter­ra­nea sog­get­ta all’Iran. A que­sto ambi­to cul­tu­ra­le riman­da anche il reper­to­rio ico­no­gra­fi­co del rica­mo con cop­pie affron­ta­te di pap­pa­gal­li, moti­vi geo­me­tri­ci e infio­re­scen­ze sti­liz­za­te. Rife­ri­to a mani­fat­tu­ra sici­lia­na, il pivia­le si data al secon­do quar­to del Due­cen­to per le affi­ni­tà tec­ni­che e ico­no­gra­fi­che con la pia­ne­ta di papa Boni­fa­cio VIII del Duo­mo di Ana­gni. Lo scu­do rica­ma­to è sta­to aggiun­to in epo­ca poste­rio­re, tra il XIV e il XV seco­lo.

Il Pivia­le dei Pap­pa­gal­li dal tro­no all’altare
Museo Dio­ce­sa­no di Vicen­za (18 dicem­bre 2014 – 12 apri­le 2015)

Ora­ri di aper­tu­ra: 10–13 e 14–18 (lune­dì chiu­so)
Per ulte­rio­ri infor­ma­zio­ni si rin­via al sito del museo

 

Cite this article as: Debora Tosato, Il Piviale dei Pappagalli dal trono all’altare (Vicenza, Museo Diocesano), in "STORIEDELLARTE.com", 16 dicembre 2014; accessed 6 dicembre 2016.
http://storiedellarte.com/2014/12/il-piviale-dei-pappagalli-dal-trono-allaltare.html.

No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: