Top Menu

Padova: Il fotografo e lo storico dell’arte (5 maggio 2014)

«Photographs! Photographs! — In our work one can never have enough!». Questa celebre esclamazione di Bernard Berenson1 forse potrebbe fare da naturale sottotitolo all’incontro che si terrà lunedì 5 maggio a Padova per fare il punto sul rapporto fra ricerca storico-artistica e fotografia nell’era dell’immagine digitale:

Il fotografo e lo storico dell’arte. Un confronto sulle nuove tecnologie

locandina 1Padova, 5 maggio 2014, ore 10:00 (Museo Diocesano, Piazza Duomo 12)

Presiede
Alberto Zotti Minici, Università degli Studi di Padova

Intervengono
Mauro Magliani, fotografo
Anne Markham Schulz, Brown University – Providence RI
Alessandro Ballarin, Università degli Studi di Padova
Guido Beltramini, Centro Internazionale di Studi di Anrchitettura Andrea Palladio – Vicenza

Informazioni: tel. 049 652855 — info@museodiocesanopadova.it

 


  1. B. Berenson, Italian Pictures of the Renaissance. A List of the Principal Artists and Their Works with an Index of Places, Oxford 1932, p. X. Sull’importanza delle riproduzioni fotografiche il giovane Berenson aveva le idee chiare già in uno dei suoi primi articoli (Isochromatic Photography and Venetian Pictures, in “The Nation”, LVII, 9 novembre, 1893, pp. 346-347). 
Cite this article as: Sergio Momesso, Padova: Il fotografo e lo storico dell’arte (5 maggio 2014), in "STORIEDELLARTE.com", 3 maggio 2014; accessed 22 settembre 2017.
http://storiedellarte.com/2014/05/padova-il-fotografo-e-lo-storico-dellarte-5-maggio-2014.html.

,

No comments yet.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: