Top Menu

Dear Hasan, sorry for the delay…

«Caro Hasan, scusa per il ritardo…».
Spesso ho cominciato così le mie risposte ai messaggi di Hasan Niyazi, splendido esempio di art history blogger, morto qualche giorno fa a 38 anni, solo uno in più del suo amato Raffaello (e Parmigianino, Valentin de Boulogne, Cantarini, Watteau, Van Gogh, Toulouse-Lautrec, come insegna un triste libro di Flavio Caroli).
Anche stavolta lui è stato troppo veloce e io sono in colpevole ritardo.
Hasan Niyazi
Hasan viveva in Australia, a Melbourne. Siamo entrati in contatto via Twitter quasi tre anni fa, quando, appena aperto questo blog, lui mi chiese aiuto per scegliere il carattere del suo ancora fresco Three Pipe Problem. Un amico di penna, quindi, appassionato di storia dell’arte del Rinascimento e di Raffaello in particolare. Era affascinato però pure dai problemi della connoisseurship e dal rinnovamento dei metodi dell'attribuzione. Già allora il suo lavoro appariva, a mio avviso, un ottimo esempio di come si potesse studiare e diffondere la storia dell’arte online senza perdere in profondità e ricchezza di informazioni. Lo si poteva fare anche attraverso un Blog o un Wiki o un Database, il mezzo era indifferente.

Come ricorda ora Bendor Grosvenor, Hasan era spesso anche una fonte di ispirazione per nuovi progetti e aveva un ruolo importante nel mondo della storia dell’arte online. Sapeva tenere assieme le fila di una comunità e costruire rapporti tra studiosi e appassionati dei luoghi più lontani. Con noi aveva diffuso la sua intervista a Maria Ludovica Nicolai e ora ci stava preparando un articolo per un nuovo progetto editoriale. Aveva intenzione di riflettere sul rapporto tra web e comunicazione storico-artistica, come nell’ultimo articolo del suo blog. Così ci spiegava il suo intervento lo scorso agosto:

I would use it as a case study to describe how the web is changing art historical reporting and research. I would start with the example of the Michelangelo “Young archer” and also the Leonardo “La Bella Principessa” both of which I have reported on in detail. I will then describe using these tools to report conference proceedings and give the examples of my involvement with conferences in Madrid, Florence and recently in Melbourne too.

Queste riflessioni nascevano di certo anche dall'esperienza del suo progetto più ambizioso, che spesso si faceva sentire nel blog e sembrava quasi una ragione di vita: Open Raphael Online, un catalogo completo delle opere di Raffaello e della sua bottega, un Catalogue raisonné tradotto in sito web aperto e accessibile. Un'impresa titanica, naturalmente, ora destinata forse a restare interrotta, con la quale Hasan, pur con qualche limite tecnico, ci ha mostrato però concretamente le potenzialità del web nella comunicazione storico-artistica e una delle vie per il suo sviluppo. Ma soprattutto ci ha dimostrato che una pagina di internet può essere solida come quella di un libro e che la conoscenza che si costruisce in rete non svanisce quando si spegne improvvisamente un computer. O una vita.

 

Link

- Farewell Hasan… - Dr Ben Harvey
- Raffaello Open - Melissa Pignatelli
- Hasan Niyazi - Art History News - Bendor Grosvenor
- Hasan Niyazi R.I.P. - Francis Stefano
- Raphael, Transfiguration, and Hasan from 3PP - Monica Bowen (Alberti’s Window)
- Hasan Niyazi - Michael Savage

Three Pipe Problem, il blog di H. Niyazi

Three Pipe Problem, il blog di H. Niyazi

Open Raphael Online

Open Raphael Online di H. Niyazi

Art History Database

La pagina dell'elenco dei siti di storia dell'arte nell'Art History Database di H. Niyazi

Cite this article as: Sergio Momesso, Dear Hasan, sorry for the delay…, in "STORIEDELLARTE.com", 2 novembre 2013; accessed 25 marzo 2017.
http://storiedellarte.com/2013/11/dear-hasan-sorry-for-the-delay.html.

, ,

3 Responses to Dear Hasan, sorry for the delay…

  1. Hasret 18 novembre 2013 at 14:35 #

    Thank you very much Ser­gio for the nice tri­bu­te to my bro­ther, Hasan. I am Hasret, his youn­ger sister. I love hea­ring more and more about him, with each tri­bu­te the­re is a dif­fe­rent sto­ry, dif­fe­rent memo­ries. Thank you for sha­ring this. This is a very dif­fi­cult time for me and my fami­ly. I still can’t belie­ve I will never see him again. I feel like a part of me has died on the insi­de. I guess this is what hap­pens when you lose a clo­se blood rela­ti­ve, pre­ma­tu­re­ly. It is very dif­fi­cult to descri­be. Rea­ding about him, howe­ver, makes me feel a bit bet­ter. Thank you Ser­gio for your kind words.

    • Sergio Momesso 21 novembre 2013 at 22:39 #

      You are wel­co­me, Hasret. Losing Hasan was a ter­ri­ble blow also for me and my friends.
      Althou­gh we never met him, we knew him throu­gh the blog and direct mes­sa­ges. We dee­ply estee­med Hasan for ideas as well as the gene­ro­si­ty and kind­ness. This is just a small tri­bu­te to com­pa­re with what he left us in the heart as well as in the head.
      Thank you, Hasret. And, as I often writ­ten to Hasan, sor­ry… if I am always late.

  2. Samantha Morris 4 novembre 2013 at 13:32 #

    Hasan was a won­der­ful man, and a true friend. He inspi­red me to keep on blog­ging, and I shall miss him more than words can say.

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: