Top Menu

Raffaello a Tokyo

Doma­ni si inau­gu­ra al Natio­nal Museum of Western Art di Tokyo una gran­de mostra su Raf­fael­lo, con qua­dri pro­ve­nien­ti da nume­ro­si musei ita­lia­ni e stra­nie­ri (tro­va­te qui il comu­ni­ca­to stam­pa). Si apre un altro anno di pel­le­gri­nag­gi per le nostre ope­re d’arte.

La siste­ma­zio­ne del­la Madon­na del Gran­du­ca in mostra.

Il manifesto della mostra.

Il mani­fe­sto del­la mostra.

 

 

Cite this article as: Redazione, Raffaello a Tokyo, in "STORIEDELLARTE.com", 1 marzo 2013; accessed 25 marzo 2017.
http://storiedellarte.com/2013/03/raffaello-a-tokyo.html.

6 Responses to Raffaello a Tokyo

  1. leonherd 28 luglio 2013 at 17:01 #

    Non met­te­rei mai ope­re d’arte su un areo… Ora per la pri­ma vol­ta il Giap­po­ne ospi­ta un’opera di Miche­lan­ge­lo http://info.pref.fukui.jp/bunka/bijutukan/michelangelo/outline.html

  2. guido 17 maggio 2013 at 23:55 #

    Intan­to, sui risul­ta­ti degli esa­mi che SI SUPPONE sia­no sta­ti fat­ti su que­sta tavo­la c’è il miste­ro asso­lu­to. Com­pli­men­ti all’opificio per la tra­spa­ren­za ed il rispet­to ver­so gli appas­sio­na­ti e gli stu­dio­si. Par­reb­be qua­si che i qua­dri sta­ta­li sia­no a dispo­si­zio­ne di un mani­po­lo di per­so­ne che li stac­ca­no dai muri, li fan­no spa­ri­re per anni, e riap­pa­ri­re dove le cir­co­stan­ze sia­no con­ve­nien­ti (per loro). Dav­ve­ro un bel meto­do…

  3. Alberto Zaina 11 marzo 2013 at 17:09 #

    Secon­do il mio pare­re la poli­ti­ca di “ecces­si­vi pre­sti­ti” è anche stu­pi­da. Non se a Tokio c’è anda­to il pic­co­lo Raf­fael­lo gio­va­ni­le (Cri­sto) del­la Pina­co­te­ca di Bre­scia, comun­que è in pre­sti­to . Si dice che è per attrar­re turi­sti cul­tu­ra­li a Bre­scia.… La poli­ti­ca dei pre­sti­ti è buo­na se c’è un ade­gua­to scam­bio.

  4. masaccio584 10 marzo 2013 at 12:39 #

    La Madon­na del Gran­du­ca è spa­ri­ta per quat­tro anni dal­la Gal­le­ria Pala­ti­na per esse­re (uffi­cial­men­te) restau­ra­ta, per riap­pa­ri­re esat­ta­men­te com’era pri­ma, in un museo stra­nie­ro! A par­te tut­to, è ver­go­gno­so che ope­re d’arte di pro­prie­tà sta­ta­le di que­sta impor­tan­za spa­ri­sca­no sen­za lascia­re trac­cia per anni, sen­za aggior­na­men­ti sul loro sta­to. Che cosa han­no fat­to per anni su que­sta tavo­la? E’ mai pos­si­bi­le che l’Opificio del­le Pie­tre Dure di Firen­ze non rila­sci dei comu­ni­ca­ti, o degli aggior­na­men­ti, sul­lo sta­to del­le ope­re lascia­te in sua custo­dia?

  5. And 4 marzo 2013 at 19:23 #

    Basta con que­ste mostre inu­ti­li, non se ne può più!! A quan­do Bot­ti­cel­li a Sin­ga­po­re, Arte­mi­sia in America(scusate, già c’è anda­ta), Cara­vag­gio a Cuba (ops, già sta­to), Tizia­no a Mosca (già dato), vab­bè basta che non tro­vo altri esem­pi ma ci sia­mo capi­ti! Quan­ti sol­di pen­sa di far­ci la soprin­ten­den­te Aci­di­ni?

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: