Top Menu

La nuova Bibliotheca Hertziana di Roma

Hertziana 1

Le origini

La Biblio­te­ca Her­tzia­na, tede­sca per fon­da­zio­ne e gestio­ne ma roma­na per la cit­tà che la ospi­ta da sem­pre, costo­la fon­da­men­ta­le dell’Institut für Kunst­ge­schi­ch­te, rap­pre­sen­ta un pun­to di rife­ri­men­to per gli sto­ri­ci dell’arte del mon­do.

La sede dell’Institut für Kunst­ge­schi­ch­te van­ta una sto­ria mol­to anti­ca: basti pen­sa­re che per la posi­zio­ne pri­vi­le­gia­ta e quin­di la vista ecce­zio­na­le di cui si pote­va gode­re, fu edi­fi­ca­ta in quell’area sul mon­te Pin­cio, intor­no al 60 a.C., la vil­la di Lucul­lo.
Suc­ces­si­va­men­te, con la fon­da­zio­ne del­le vie Sisti­na (di Sisto V) e Gre­go­ria­na (di Gre­go­rio XIII), Fede­ri­co Zuc­ca­ri acqui­stò il lot­to e, con la costru­zio­ne del palaz­zo che vedia­mo tut­to­ra tra le due stra­de, die­de ini­zio al pro­get­to che pre­ve­de­va la costi­tu­zio­ne di un’Accademia del Dise­gno: quel palaz­zo avreb­be dovu­to infat­ti ospi­ta­re gli arti­sti  stra­nie­ri e dare le basi arti­sti­che e mora­li per una cor­ret­ta for­ma­zio­ne. Palaz­zo Zuc­ca­ri rap­pre­sen­tò così un luo­go impor­tan­te per gli arti­sti e gli intel­let­tua­li in sog­gior­no a Roma: tra cui Goe­the, Winc­kel­mann e i Naza­re­ni Over­beck e Cor­ne­lius.
Dal­la fine dell’Ottocento il palaz­zo fu acqui­sta­to da Hen­riet­te Her­tz, mece­na­te tede­sca inna­mo­ra­ta del­la cit­tà eter­na, che fece di Palaz­zo Zuc­ca­ri un impor­tan­te pun­to di rife­ri­men­to e di incon­tro non solo per arti­sti ma anche per col­le­zio­ni­sti ed esper­ti di ogni disci­pli­na.
Poco pri­ma di mori­re, Hen­riet­te Her­tz deci­se di dona­re il Palaz­zo Zuc­ca­ri alla Socie­tà Kai­ser Wilhelm (poi Socie­tà Max Planck): il 15 gen­na­io del 1913 fu aper­ta la Biblio­te­ca dell’Institut für Kunst­ge­schi­ch­te.

La “nuova” biblioteca

Un’importante svol­ta nel­la sto­ria del­la Biblio­te­ca Her­tzia­na è avve­nu­ta negli anni com­pre­si tra il 1994 e il 2013. Nel 1994 infat­ti, a cau­sa di pro­ble­mi di natu­ra essen­zial­men­te sta­ti­ca, la biblio­te­ca ha subì­to una gran­de tra­sfor­ma­zio­ne che, inol­tre, l’ha resa a lun­go solo par­zial­men­te acces­si­bi­le.
La “nuo­va” Biblio­te­ca Her­tzia­na, com­ple­ta­men­te finan­zia­ta dal­la Ger­ma­nia (con fon­di pub­bli­ci e pri­va­ti) e pro­get­ta­ta dall’architetto spa­gno­lo Juan Navar­ro Bal­deweg, è sta­ta inau­gu­ra­ta il 15 gen­na­io 2013 e, dal 1 feb­bra­io del­lo stes­so anno, con i suoi 295.000 volu­mi (e 231.000 foto­gra­fie del­la foto­te­ca, attual­men­te sita al secon­do pia­no del­la strut­tu­ra), è sta­ta effet­ti­va­men­te ria­per­ta agli stu­dio­si.
Tra­spa­ren­za, tan­ta luce, fun­zio­na­li­tà: que­ste le paro­le che d’istinto si pos­so­no asso­cia­re al risul­ta­to fina­le.

La biblio­te­ca si svi­lup­pa su più pia­ni domi­na­ti da legno chia­ro, vetro e ter­raz­za­men­ti (a que­sto pro­po­si­to, seb­be­ne Bal­deweg dica di esser­si ispi­ra­to alle ter­raz­ze che dove­va­no carat­te­riz­za­re l’ambiente al tem­po di Lucul­lo, ad una pri­ma occhia­ta que­ste riman­da­no al Grimm Zen­trum di Ber­li­no, vedi qui). Dall’ultimo pia­no del­la biblio­te­ca si acce­de ad un’ampia ter­raz­za da cui si può gode­re di una splen­di­da vista del­la Capi­ta­le.

Ammissione

La Biblio­te­ca Her­tzia­na non è aper­ta a tut­ti: è infat­ti una biblio­te­ca spe­cia­li­sti­ca che fa capo innan­zi­tut­to al cen­tro di ricer­ca di cui fa par­te. Per que­sto moti­vo, l’accesso è con­sen­ti­to solo a stu­dio­si che abbia­no con­se­gui­to alme­no la lau­rea magi­stra­le (la tesi di lau­rea deve esse­re sta­ta già discus­sa) e comun­que la pro­ce­du­ra d’ammissione ha rego­le fer­ree, vedi qui.

Altre informazioni pratiche

  • Diver­sa­men­te rispet­to alla Biblio­te­ca del Kun­sthi­sto­ri­sches Insti­tut in Flo­renz – altro tem­pio sacro del­la ricer­ca sto­ri­co-arti­sti­ca in Ita­lia e nel mon­do – qui è pos­si­bi­le poter usu­frui­re del ser­vi­zio pre­sti­to
  • Il cata­lo­go è dispo­ni­bi­le a que­sto indi­riz­zo, che fa capo al noto cata­lo­go col­let­ti­vo Kubi­kat
  • Per una ricer­ca dei libri più age­vo­le, la biblio­te­ca met­te a dispo­si­zio­ne una map­pa del­le col­lo­ca­zio­ni, con­sul­ta­bi­le qui

 

Cite this article as: Nadia de Lutio, La nuova Bibliotheca Hertziana di Roma, in "STORIEDELLARTE.com", 26 marzo 2013; accessed 29 marzo 2017.
http://storiedellarte.com/2013/03/bibliotheca-hertziana-del-max-planck-institut-fur-kunstgeschichte.html.

, ,

4 Responses to La nuova Bibliotheca Hertziana di Roma

  1. Ornella li Vigni 2 maggio 2013 at 08:00 #

    Tan­ti anni fa ero iscrit­ta, quan­do era for­se più demo­cra­ti­ca l iscri­zio­ne .Sono una restau­ra­tri­ce (Ornellalivigni.com è il mio sito) non lavo­ro più fac­cio solo del­le ricer­che
    a livel­lo anco­ra per­so­na­le e inse­gno sal­tua­ria­men­te a ragaz­zi uni­ver­si­ta­ri quan­do mi chie­do­no di spie­ga­re loro in cosa con­si­ste l inter­ven­to di restau­ro .
    Quan­do mi reco a Vene­zia fre­quen­to la biblio­te­ca Her­sia­na da anni .
    Chie­do all Illu­stre Biblio­te­ca di dar­mi la pos­si­bi­li­tà quan­do sono a Roma,abitando vici­no alla
    biblio­te­ca di poter­la fre­quen­ta­re

Trackbacks/Pingbacks

  1. Sapienza: arrivano le nomine della commmissione per la BUP | paginaQ | la pagina quotidiana – Pisa - 4 febbraio 2014

    […] i nomi del­la Pro­fes­so­res­sa Eli­sa­be­th Kie­ven, diret­tri­ce del­la Biblio­te­ca Her­tzia­na e pro­mo­tri­ce del restau­ro del­la sede dell’Hertziana ; Andrea De Pasqua­le, diret­to­re del­la Brai­den­se di Mila­no. Accan­to alla dott.ssa Ange­la Mar­se­glia, […]

  2. Lust und Last der Antike (Roma, 3-4 maggio 2013) | STORIE DELL’ARTE - 13 aprile 2013

    […] 3 e il 4 mag­gio la Bi­blio­teca Her­tziana di Roma, ria­perta da po­che set­ti­mane, ospi­terà il con­ve­gno Lust und Last der […]

  3. Biblioteche in Italia #1 | Libreriepersonali - 27 marzo 2013

    […] Biblio­the­ca Her­tzia­na, Max-Planck-Insti­tut für Kunst­ge­schi­ch­te (già pub­bli­ca­to per Sto­rie dell’Arte) […]

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: