Top Menu

Warhol spiegato ai truzzi (nella loro lingua)

Con questo articolo inauguriamo una rubrica per sorridere della storia dell'arte, per raccontarla anche ridendo. E continuare a non prenderci troppo sul serio.
Ringraziamo Paola Guagliumi, autrice del blog L'arte spiegata ai Truzzi, per averci inviato in anteprima uno dei suoi simpaticissimi post in romanesco. Brevi testi in cui tenta di spiegare celebri opere d'arte a dei truzzi o dei coatti, come si dice a Roma. Il risultato spesso è qualcosa di più che un semplice divertimento.

Andy Warhol, Campbell’s Soup Cans, 1962, New York, Mu­seum of Mo­dern Art

Andy Warhol, Campbell’s Soup Cans, 1962, New York, Mu­seum of Mo­dern Art, inv. no. 476.1996.1-32

Andy Warhol (Pittsburgh, 1928 – New York, 1987)
Campbell’s Soup Cans
1962, New York, Museum of Modern Art
Vernice di polimeri sintetici su tela, 32 tele, ciascuna 51 x 41 cm

 

Questo qqua è Uòrol, quello daa Popp Art, e t’ha fatto sto quadro qqua co ‘a zzuppa ‘n scatola. Che è ‘n bene de consumo, che sse consuma, se magna.

‘N pratica nell’anni Scinquanta e Sessanta era ‘n periodo che cambiarono ‘n sacco de cose, ‘a ggente pure quella normale sembra che addiventa più ricca, che tutti se ponno comprà ‘a machina, ‘a televisione, er giradischi. È quella che sse chiama appunto ‘a civirtà dii consumi, che ppare caa cosa ppiù ‘mportante è avvecce ‘a robba, ma no ‘a robba ggenerica, ma quella che ffa fico, tipo er macchinone o er ginz de quaa marca llà o ‘a crema antirughe caa pubbricità t’assicura che si ttaa metti ‘e rughe ‘n te vengheno, che ppoi vorei capì coma fai a ssapè si ffunziona, neè che ppoi rivive n’artra vorta e nun usalla e vvedè come ‘nvecchi a prima e come ‘nvecchi a seconna e ffà er confronto. Ma vabbè.

E ‘a pubbricità è popo fatta pe fatte comprà, te martella ‘n capoccia, too ripete mille vorte, come qqua che a figura è ripetuta, eddaje, eddaje. E comprate questo e comprate quest’artro, e tte te penzi che si tte compri tutte ‘e cose sarai felisce. E ‘a zzuppa taa compri no pperchè tte serve o tte piasce popo quaa zzuppa llà, che ssicuro è mejo quella che ffa ttu madre, epperò questa è ffica perché hai vista ner gingol in tivvù. È er trionfo diimmaggine, apppunto.

Epperò er quadro nun è ccome ‘a pubbricità o ‘a scatola, è ‘n pezzo unico, mica ‘o trovi sui scaffali ar supermercato. E quinni aartista te vo ffà penzà aa differenza tra n’immaggine che è ‘n prodotto pe ffà li sordi e ‘n imaggine che è arte che è bbella solo da vedè, no ddà consumà, che mica ‘a guardi ‘a bbutti e te ne compri n’artra. Epperò, come te discevo l’artra vorta, neè cche Uòrol fasceva sti quadri e ppoi i regalava a ggratisse, cor cazzo. Quinni, boh, vedi ‘n po’ tte, che ppenzà.


MoMA | The Collection | Andy Warhol. Campbell's Soup Cans. 1962

 

Cite this article as: Paola Guagliumi, Warhol spiegato ai truzzi (nella loro lingua), in "STORIEDELLARTE.com", 30 gennaio 2013; accessed 27 marzo 2017.
http://storiedellarte.com/2013/01/warhol-spiegato-ai-truzzi-nella-loro-lingua.html.

,

One Response to Warhol spiegato ai truzzi (nella loro lingua)

  1. Maurizio Ceccon 1 febbraio 2013 at 18:06 #

    Genia­le!
    MCec­con

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: