Top Menu

Bramantino a Milano

 

Promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, Castello Sforzesco e Palazzo Reale, inaugura il 15 maggio al Castello Sforzesco la mostra “Bramantino a Milano”, curata da Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa e Marco Tanzi, in programma fino al 25 settembre 2012, con ingresso gratuito.

L’esposizione, si articola nelle due grandi Sale del Castello Sforzesco che ospitano già importanti lavori dell’artista: la Sala del Tesoro dove domina l’Argo, il grande affresco realizzato intorno al 1490 e destinato a vegliare sul tesoro sforzesco e la soprastante Sala della Balla, che accoglie i dodici arazzi della collezione Trivulzio, acquisiti dal Comune nel 1935.

«Con la mostra sul Bramantino il Comune di Milano realizza, con assoluta autonomia di mezzi e di gestione - non accadeva da 20 anni - una mostra che valorizza lo straordinario patrimonio milanese di opere lasciateci da un autore su cui si sta concentrando l‘attenzione della storiografia critica internazionale. Con il Bramantino al Castello Sforzesco – ha detto l’assessore alla Cultura Stefano Boeri – inauguriamo un nuovo corso della stagione espositiva milanese. Una mostra di grande qualità che si offre gratuitamente al pubblico per condividere con la città lo spirito di una nuova idea di cultura».

Bergamasco, documentato dal 1480 e morto nel 1530, Bartolomeo Suardi, detto il Bramantino, deve il suo peculiare soprannome al rapporto con il marchigiano Bramante, pittore e architetto alla corte di Ludovico il Moro. «Il riconoscimento del Bramantino come il più grande artista lombardo del Rinascimento è avvenuta nel corso del Novecento, grazie agli studi di Wilhelm Suida ma anche grazie alla sintonia con le sperimentazioni delle avanguardie o con quelle di artisti più vicini a noi: da Aldo Rossi a Patti Smith – ha detto Giovanni Agosti –. Solo le ricerche degli ultimi anni hanno restituito al Bramantino una centralità inaspettata, mettendone a fuoco la cronologia e incrementandone il ridotto catalogo, con la sensazionale scoperta di un ciclo di affreschi nel Castello di Voghera. Bramantino è infatti l’unico lombardo in grado di stare a fronte di Leonardo, di chinarsi sul Cenacolo senza esserne travolto».

Milano conserva il nucleo più cospicuo esistente al mondo di opere del Bramantino: dipinti su tavola e su tela, arazzi tratti da suoi cartoni, disegni, affreschi e l’unica architettura da lui realizzata, la Cappella Trivulzio, che costituisce una sorta di monumentale ingresso alla chiesa di San Nazaro in Brolo.

L’esposizione – allestita dallo studio di Michele De Lucchi, con l’immagine coordinata di Francesco Dondina – intende mostrare in ordine cronologico le opere del Bramantino presenti in città, disperse tra sedi differenti e riunite ora in un unico percorso.

Nella Sala del Tesoro, attorno all’Argo, saranno esposte una ventina di opere, dipinti e disegni, che provengono da raccolte pubbliche (oltre che dai Musei del Castello Sforzesco, dalla Pinacoteca Ambrosiana e dalla Pinacoteca di Brera) e private di Milano e che permetteranno di seguire lo svolgimento della carriera del Bramantino: dalla giovanile Adorazione del Bambino della Pinacoteca Ambrosiana al San Sebastiano di una raccolta privata, dal Noli me tangere delle Civiche Raccolte d’Arte Antica alla Madonna con il Bambino e angeli della Pinacoteca di Brera.

«La parabola del Bramantino – commenta Giovanni Agosti – dimostra la sintonia con le ricerche più avanzate del suo tempo: la Ferrara espressionista di Ercole de’ Roberti, le sperimentazioni di Leonardo, la Roma città aperta di Giulio II prima di Raffaello, i languori di Giorgione e del Correggio.Tutto attraversato da una peculiare cifra stilistica, votata a una sorta di astrazione, fino a dare vita a immagini dalle iconografie spesso stravaganti e misteriose».

Nella Sala della Balla, invece, un allestimento completamente nuovo dispone i dodici grandi arazzi, dedicati ai mesi dell’anno, in modo che si leghino tra loro nella sequenza dei gesti e delle stagioni.

Un filmato di Alessandro Uccelli documenta ciò che è per diverse ragioni inamovibile: dalla milanese cappella Trivulzio, addossata, nelle sue forme così pure e prive di ornati, alla chiesa di San Nazaro, alle Muse del Castello di Voghera.

In occasione della mostra sarà edito da Officina Libraria un volume che aspira a porsi come una vera e propria guida all’artista, la cui conoscenza è limitata dalla mancanza di pubblicazioni monografiche che ne presentino in maniera adeguata la qualità: a questo fine è stata realizzata una campagna fotografica ad hoc da Mauro Magliani. Il libro, con un’introduzione di Giovanni Romano, contiene un regesto dei documenti noti sul Bramantino, con diverse novità, curato da Roberto Cara.

Il pubblico potrà seguire l’esposizione grazie a una “guida alla mostra” su carta, gratuita, che proporrà analisi e approfondimenti delle opere con una doppia chiave di lettura, offrendo sia un alto livello di informazione scientifica sia un percorso di avvicinamento accessibile da parte dei non addetti ai lavori.

La mostra sarà accompagnata da conferenze e seminari, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, con il Fondo per l’Ambiente Italiano e con gli Amici di Brera, con ingresso libero e gratuito.

 


Approfondimenti:

 

 

Risorse:

 

 


Aspettando Bramantino

Tre appuntamenti con il Rinascimento Lombardo

10 e 17 aprile, 8 maggio 2012, ore 18:00, Castello Sforzesco, Sala Weil Weiss, Biblioteca Trivulziana Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti (posti disponibili 100)

10 aprile ore 18:00
presentazione del volume Arcigoticissimo Bembo (Officina Libraria) di Marco Tanzi
In Lombardia il gotico stenta a tramontare, ha un lunghissimo crepuscolo, che va ben dentro il XV secolo, superandone la metà. Tra i protagonisti di quella stagione spicca Bonifacio Bembo, un artista polimorfo, a capo di una ramificata bottega famigliare che dà il tono all’epoca, partecipando alla decorazione delle residenze ducali.

17 aprile ore 18:00
presentazione del volume Leonardo a Milano (Edizioni dell’Aurora) di Alessandro Ballarin
L’attività di Leonardo a Milano esce rivoluzionata da questo monumento della storiografia artistica recente, frutto di oltre trent’anni di ricerche. I quattro tomi di cui si compone l’opera, con più di mille illustrazioni, affrontano l’argomento sotto luci diverse: la storia dello stile si accompagna a una ricostruzione scrupolosa della vita, pubblica e privata, dei personaggi della corte di Ludovico il Moro.

8 maggio ore 18:00
presentazione del volume Rinascimento in Lombardia (Feltrinelli) di Giovanni Romano
L’esemplarità metodologica dei saggi raccolti in questo libro ha formato più di una generazione di studiosi, offrendo un panorama del Rinascimento in Lombardia che tiene conto delle interferenze tra le arti e dei vorticosi mutamenti degli stili, tra committenza e iconografia. Da queste pagine nasce il profilo del Bramantino che la mostra si propone di mettere alla prova.

Ai tre incontri intervengono Stefano Boeri, Assessore alla Cultura, Moda, Design, e Giovanni Agosti


Seminario di Studio sui temi della mostra del Bramantino

Coordinato da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa

dal 22 maggio al 24 luglio 2012, ore 15.00
Castello Sforzesco, Sala Studio della Raccolta Bertarelli
Incontri aperti a studenti, specializzandi, e dottorandi dell’Università degli Studi di Milano e appassionati Ingresso libero fino ad esaurimento posti (posti disponibili 80)

Le date previste sono i martedì: 22 e 29 maggio 2012 - 5, 12, 19 e 26 giugno 2012 - 3, 10, 17 e 24 luglio 2012
[Il programma dei singoli incontri è in corso di definizione e verrà comunicato successivamente anche sul sito www.milanocastello.it]

 


BRAMANTINO A MILANO

 

Milano, Castello Sforzesco
Cortile della Rocchetta - Sala del Tesoro - Sala della Balla

 

16 maggio - 25 settembre 2012

 

da martedì a domenica dalle ore 9.00 alle 17.30

 

ultimo ingresso ore 17.00
chiuso il lunedì

 

INGRESSO GRATUITO

 

-

 

Catalogo Officina Libraria

 

Informazioni:
www.milanocastello.it
Comunicati:
[1] - [2]

 

Facebook

 

 

Cite this article as: Redazione, Bramantino a Milano, in "STORIEDELLARTE.com", 1 maggio 2012; accessed 30 marzo 2017.
http://storiedellarte.com/2012/05/bramantino-a-milano.html.

, ,

3 Responses to Bramantino a Milano

  1. Sergio Momesso 8 maggio 2012 at 15:27 #

    Da segna­la­re:
    UN MOSTRO SI AGGIRA PER MILANO. Una mostra gra­tui­ta e un semi­na­rio aper­to alla cit­tà sul Bra­man­ti­no. Die­tro le quin­te di un bel pro­get­to civi­le, cul­tu­ra­le e poli­ti­co (di Ange­la Vez­za­ni): http://www.z3xmi.it/pagina.phtml?_id_articolo=1435-UN-MOSTRO-SI-AGGIRA-PER-MILANO.html
    – Un Bra­man­ti­no sen­za mar­ke­ting – Corriere.it http://www.corriere.it/cultura/12_maggio_08/panza-bramantino-senza-marketing_697521fa-9906–11e1-a280-1e18500845d6.shtml

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Mostre in tempo di crisi”: tweets & pensieri :-) :-) | storie dell’arte - 24 ottobre 2012

    […] di Mi­lano per ti­rare le som­me, in qual­che modo, dell’esperienza del­la mo­stra Bra­man­tino e in ra­gione an­che del suc­cesso che tale even­to ha […]

  2. Bramantino in mostra a Milano | Capire l'arte | Scoop.it - 2 maggio 2012

    […] storiedellarte.com – Today, 10:22 AM […]

Leave a Reply / Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: